Monthly Archives: August 2014

Due definizioni della consapevolezza

Dal libro di John Kabatt Zinn – Dovunque tu vada, ci sei già.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/8ac/24749337/files/2015/01/img_8640.jpg

La consapevolezza non è uguale al pensiero. È una qualità che lo supera, sebbene ne faccia uso e ne riconosca la sua forza e validità. Può essere considerata come un recipiente che trattiene e incorpora il pensiero, aiutandoci a vedere e riconoscere i nostri pensieri come tali, impedendoci di considerarli una realtà.

Un altro modo per definire la consapevolezza è quella di considerare il pensiero come una perenne cascata di acqua. Coltivando la consapevolezza è come se ci ponessimo al di qua o al di là del nostro pensiero allo stesso modo in cui ci si metterebbe al riparo in una grotta o in una rientranza dietro una cascata. Continuiamo a vedere e sentire l’acqua, ma stiamo ben riparati dalla forza della corrente.

Brevi “riflessioni” personali

Agosto 2014
Così come il sole del mattino riscalda le fosche umide valli
liberandole dalla umidità, ed essa sollevatasi dal fondo
va formando nuvole che in seguito si dissolvono in cielo,
allo stesso modo possa la saggezza
agire come una luce che rischiara le menti degli uomini,
liberande dalla foschia della ignoranza.

Luglio 2014
Così come ció che noi definiamo “pioggia” è l’insieme di una infinità di singole gocce che cadono in punti diversi della terra, allo stesso modo il sentiero per la liberazione dalla sofferenza è formato da innumerevoli passi su diversi tipi di terreni. 
Solo quando è tutto bagnato possiamo dire: “ha piovuto”!.

IMG_0428.JPG

Gennaio 2014
La tua vita è come una spiaggia e il mare è come il tuo karma: se ci butti dentro spazzatura prima o poi le onde te la riportano a riva. Tu hai il potere di decidere se vuoi una spiaggia sporca o pulita.

20140105-140506.jpg

Davide