Blog Archives

La fretta

IMG_7377.PNG

Due definizioni della consapevolezza

Dal libro di John Kabatt Zinn – Dovunque tu vada, ci sei già.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/8ac/24749337/files/2015/01/img_8640.jpg

La consapevolezza non è uguale al pensiero. È una qualità che lo supera, sebbene ne faccia uso e ne riconosca la sua forza e validità. Può essere considerata come un recipiente che trattiene e incorpora il pensiero, aiutandoci a vedere e riconoscere i nostri pensieri come tali, impedendoci di considerarli una realtà.

Un altro modo per definire la consapevolezza è quella di considerare il pensiero come una perenne cascata di acqua. Coltivando la consapevolezza è come se ci ponessimo al di qua o al di là del nostro pensiero allo stesso modo in cui ci si metterebbe al riparo in una grotta o in una rientranza dietro una cascata. Continuiamo a vedere e sentire l’acqua, ma stiamo ben riparati dalla forza della corrente.